FacebookInstangramYoutube
  • 09GIU2015

    Respirare sottacqua ed emozionarsi.


    Non c’è nulla di più innaturale che respirare sott’acqua. Forse. Eppure se così fosse, nessuno si appassionerebbe a quello che, da sempre, è uno dei sogni dell’essere umano (dopo il volare), ovvero respirare nel blu più profondo.

    Il periodo è perfetto per considerare, dunque, la possibilità di affrontare l’estate in modo diverso, nuovo, speciale. Magari regalandoci il privilegio di indossare bombole e muta e tuffarsi in un mondo che nessuno può immaginare, a meno che non sia stato sperimentato e vissuto.

    Ovviamente parliamo del diving, delle immersioni, di bombole, giubbotti e attrezzature “strane”. Ma parliamo anche di professionalità, decompressione cautele e formazione.

    Detto questo, vogliamo darvi alcuni spunti per accompagnarvi a scoprire il mondo subacqueo che, spesso, incuriosisce, ma resta – spesso – un’utopia per i motivi più disparati.

     

    Curiosità, alleata preziosa

    Se la subacquea vi ha sempre incuriositi questo è il momento di passare all’azione. Cercate un centro nella vostra città, guardate su internet il sito, telefonate, andate a trovare i responsabili, parlateci e fate loro tutte le domande che vi vengono in mente.

    Saper nuotare, ma non gareggiare

    Se siete sempre stati convinti che per tuffarvi nel blu servisse essere Federica Pellegrini o Filippo Magnini, vi sbagliate. E’ necessario saper nuotare, stare a galla e se avete acquaticità bene venga, ma sappiate che non è necessario avere uno stile impeccabile. Non è questo che vi servirà sottacqua. Quanto all’acquaticità potrete, piano piano, migliorarla o impararla.

     

    Professionalità al servizio della serenità

    Rivolgetevi a centri certificati dai vari enti: Padi, Fips, SSI per esempio. Solo gli istruttori certificati sapranno essere i migliori alleati in questa splendida avventura. Diffidate di chi non vi trasmette fiducia, chiedete e non abbiate timore di fare domande che potrebbero apparire banali. Di banale non c’è nulla nel diving.

    L’attrezzatura: tempo al tempo

    Tutto l’occorrente per iniziare il corso e certificarvi vi potrà essere fornito dal centro diving al quale vi appoggerete: muta, pinne, gav, snorkel, maschera e bombole saranno alla base del corso. Il computer, di norma, non è compreso. Ma vedrete che appena brevettati sarà uno dei primi acquisti che farete.

    Gradualità per un successo sicuro

    Infine, non preoccupatevi se qualcuno che inizia con voi questa avventura vi potrà sembrare più “sciolto” o a suo agio di voi. Respirare sottacqua richiede pazienza, esperienza e pratica. Una volta fatto la prima volta… non potrete più farne a meno

    GetFIT Gioiadive.it vi portano nel blu

    Se volete soddisfare la curiosità che avete sempre avuto, non aspettate.

    Il 10 giugno (PER I NOSTRI SOCI) alle ore 20.30 presso il nostro club di via Piranesi potrete prenotare la vostra prova gratuita in vasca.

    Prenotatevi e chiedete informazioni:

    Gioia Dive
    www.gioiadive.it
    Telefono:
    339.3076898
    Mail: info@gioiadive.it