FacebookInstangramYoutube
  • 17GEN2019

    È il momento di passare all'azione: il potere di stare bene è nelle tue mani


    Gennaio è il mese più magico dell’anno. Per 31 giorni, infatti, ci sembra che potremo fare tutto quello che non abbiamo mai fatto nella vita: riscopriamo di avere un corpo di cui prenderci cura, una passione per le lingue straniere che ci spinge a iscriverci a un corso avanzato e tanto, tanto, tempo libero. La magia di gennaio, in fondo, sta tutta qui: nel vedere il tempo, che durante il resto dell’anno ci sembra così poco, come potenzialmente infinito. Già nel 2017 gli economisti definivano il tempo come la risorsa scarsa, e dunque più preziosa, della contemporaneità. Gennaio è magico perchè riesce a ricordarci e a farci credere che abbiamo tanto tempo a disposizione e che lo possiamo riempire con quello che ci piace fare e ci fa stare bene.

     

    Qualche anno fa la scrittrice americana Terri Trespicio divenne famosa in tutto il mondo perché, nel corso del suo intervento al TedX di Kansas City, disse: “Date retta a mia madre e iniziate a fare qualcosa”. Quello che Terri intendeva era che se aspettiamo di avere il tempo o se lo occupiamo cercando di capire quale sarà la passione che ci porterà al successo, abbiamo già perso in partenza. L’idea di successo più diffusa oggi si basa infatti sul concentrarsi su una sola passione da realizzare, escludendo tutte le altre. Ricordate quando abbiamo dovuto scegliere le superiori? Ci dicevano: ti piace la matematica? studia per diventare ragioniere; ti piace l'arte? punta a fare l'Accademia. Se per nostra disgrazia ci piacevano tutte e due, abbiamo dovuto per forza sacrificare l’una o l’altra. Ed è possibile che abbiamo continuato a farlo per anni. E se ci è capitato, a una festa, a un primo appuntamento o a un colloquio di lavoro, di rispondere che non sapevamo quale fosse la nostra passione più grande, se l’arte o la matematica, ci siamo sentiti a disagio perché abbiamo temuto di aver fatto la figura di quelli poco interessanti, poco ambiziosi, poco maturi.

     

    Alla fine del suo interevento, che si intitola proprio 'Smettete di voler trovare la vostra passione', Terri spiega che abbiamo iniziato a fare confusione tra passioni e interessi: la passione, dice, è ciò che ci muove e che dà un senso alla nostra vita; gli interessi, invece sono ciò con cui riempiamo il nostro tempo libero e si distinguono dalla passione perchè non hanno nulla a che vedere con il senso della nostra vita.

     

    Ecco perché gennaio è diventato, soprattutto negli ultimi anni, il mese dei buoni propositi. Se cercate su Google “buoni propositi per il 2019” troverete circa 7 milioni di risultati, ovvero, 7 milioni di contenuti che vi spiegheranno come fare la lista perfetta per avere successo ed essere felici nel 2019. Sempre che, stilare una lista delle cose che vorremmo fare abbia il potere di renderci davvero felici. Sì perchè sappiamo tutti come funziona: per metterci a posto la coscienza, scriviamo tra le #newyearresolutions che ci iscriveremo in palestra, andremo al lavoro in bicicletta, mangeremo di meno e impareremo il cinese, già sapendo che non lo faremo mai. Non realizzare quasi nessuno dei buoni propositi fa parte dell'attività stessa di stilare i buoni propositi. Ma le nostre possibilità di realizzarli non sarebbero maggiori se, anzichè fare una lista, iniziassimo a farli da subito?

     

    Fare liste, dicono gli esperti, ci aiuta a gestire il nostro senso di frustrazione. Quando infatti decidiamo che inizieremo la dieta da domani, ci sentiamo già più magri al solo fatto di averlo dichiarato ad alta voce. Il trucco è proprio qui: ci accontentiamo di stare bene sul momento e rinunciamo al benessere vero che guadagneremmo se veramente iniziassimo a cambiare da oggi. Passare subito all'azione è invece un ottimo modo per riscoprire quanto potere abbiamo nelle nostre mani.

     

    Diamo retta alla mamma di Terri e lasciamo le liste che abbiamo fatto alle nostre storie su Instagram: vogliamo essere felici? Approfittiamo della magia di gennaio e iniziamo a fare qualcosa