FacebookInstangramYoutube
  • 19APR2019

    Lo smartphone sembra indispensabile per il nostro divertimento e per vincere la noia. Spesso ci lasciamo distrarre e perdiamo il momento che stiamo vivendo. In questo può aiutarci il Digital Balance: ecco cos’è e perchè dovresti provarlo subito per il tuo allenamento


    Dove hai messo il telefono? Tranquillo, ce l’hai proprio in mano. No? Allora è sicuramente di fianco al computer o nella tasca dei pantaloni o nel primo cassetto della scrivania, acceso. Ti ricordi l’ultima volta che lo hai spento? Non in modalità aereo, proprio spento, non ti ricordi, non preoccuparti, non sei l’unico. Secondo uno studio pubblicato sul Wall Street Journal, tocchiamo il nostro smartphone più di 80 volte al giorno e la maggior parte di noi non lo spegne mai. I nostri telefoni ci accompagnano sempre, suonano la colonna sonora delle nostre storie d’amore, ci ricordano quando prendere le medicine, custodiscono nostri ricordi più belli, fanno luce quando fuori fa buio, contano i passi che facciamo, misurano le nostre performance di allenamento, ci aiutano a ritrovare la strada di casa e ci permettono di restare in contatto con i nostri cari. Lo smartphone, dicono gli esperti, è diventato risorsa e rifugio contro la noia e allo stesso tempo sembrerebbe indispensabile per il nostro divertimento. Concentriamo la nostra attenzione sull’ultima notifica arrivata e spesso ci perdiamo il momento che stiamo vivendo.  Ogni tanto, però, come loro, anche noi abbiamo bisogno di disconnetterci e ricaricare le batterie.

     

    Digital Balance: spegnere il telefono, solo ogni tanto

    Facciamo fatica a spegnere il cellulare perché ci preoccupa il fatto di non essere raggiungibili. È innegabile che, da quando il cellulare è diventato uno smartphone, questo aggeggio elettronico che è insieme telefono, giornale, radio, torcia, calendario, assistente personale e zia (non si prende forse cura della nostra salute, si ricorda il nostro compleanno e ci rende persone migliori facendoci arrivare in orario a tutti gli appuntamenti? ), ci pare fondamentale per le nostre vite. Ecco perchè non si parla più di Digital Detox, parola chiave del biennio 2016 - 2018 per cui eliminare il digitale dalla vita sembrava essere la condizione primaria per un benessere vero e duraturo, ma di Digital Balance, ovvero di imparare a usare la tecnologia con misura.

     

    Come in tutte le relazioni, bisogna trovare un equilibrio tra noi, il nostro tempo e le nostre esigenze e quelle dell’altra persona, cioè, del nostro smartphone. Trovare il giusto equilibrio in questo rapporto, dicono gli inventori della Giornata Nazionale della Disconessione, aiuta a valorizzare il nostro potenziale e ci permette così di ritrovare energia e produttività, senza distrazioni.

     

    Qualche semplice consiglio su come fare

    Iniziamo da qualcosa di semplice. Per iniziare, spegni lo smartphone durante la notte e riaccendilo solo dopo aver fatto colazione. Quando ti alleni, quando sei al lavoro o a cena con gli amici, disattiva le notifiche per rimanere concentrato. Se hai paura che qualcuno possa avere bisogno di te quando hai il telefono spento, prenota uno spazio nel tuo calendario solo per te e avvisa che non sarai raggiungibile. Infine, elimina i social, le app che non usi più e i gruppi WhatsApp che non ti interessano, e al loro posto fai spazio a contatti con cui ti interessa relazionarti davvero, a contenuti positivi e ottimisti e alle app che ti aiutano a mantenerti in forma, in salute e di buonumore.

    3  buoni motivi per provare il Digital Balance

    Ora che sai che trovare un equilibrio nella tua relazione con la tecnologia non è poi così complicato, ecco tre buoni motivi per iniziare adesso a trovare il tuo Digital Balance:

     

    1. Sei più concentrato e attento al lavoro, a casa, con gli amici e quando ti alleni

    Quando sei disconnesso hai più tempo per fermarti e osservare quello che hai attorno. I tuoi occhi incontrano l’ambiente circostante, le altre persone, e raccolgono gli stimoli utili alla nascita di nuove idee. Lo stesso vale anche nello sport: non sempre è fondamentale allenarsi con lo smartphone. Prova qualche volta a lasciare il telefono nell’armadietto o a casa o in macchina se ti alleni all’aria aperta: forse non saprai esattamente quanti metri hai percorso e quante calorie hai bruciato, ma allo stesso tempo ne riceverai beneficio perché avrai imparato ad ascoltarti e a prestare attenzione al tuo corpo durante l’allenamento.

     

    2. Avrai relazioni più profonde e durature e anche qualche bella sorpresa

    Quando scegli di incontrare qualcuno di persona la comunicazione è più diretta ed efficace. Pensa a quanto tempo si risparmierebbe al lavoro se, anziché inviare decine di email su un argomento, ci si incontrasse per risolverlo. Allo stesso modo, quando sei a cena con la tua dolce metà o con la tua famiglia, lasciare il cellulare nell’altra stanza ti permette di concentrarti davvero sulla conversazione, ricordarti quanto i tuoi figli ti stanno raccontando e dare risposte precise ed efficaci alla ragazza su cui vuoi fare colpo.

     

    3. Avrai benefici alla salute e un aumento del buonumore

    Scegliere dei momenti durante la giornata in cui non usare lo smartphone alleggerisce la pressione sul nostro sistema nervoso, sollecitato artificialmente dagli stimoli cognitivi derivanti da messaggi e notifiche, e riduce i danni derivanti dalla luce dello schermo. Inoltre, il nostro sistema immunitario migliora e la sensazione di ansia e stress diminuisce quando siamo presenti alla situazione e interagiamo con l’ambiente che ci circonda in modo non mediato dallo smartphone. Da tempo gli scienziati hanno riconosciuto i benefici di una relazione non mediata dalla tecnologia tra le persone. Quando infatti spegni il telefono e sei veramente presente all’interno di una conversazione, il tuo corpo produce un picco di dopamina, ovvero una scarica di energia pronta all’uso che ti rende più attento, concentrato e di buonumore